• Via Salita Cappuccini, 31 - 98121 Messina (ME)
  • +(39) 090 64 09 598
  • Mar-Ven:  8:00-12:30 | Mar, Gio, Ven: 15:30-18:30

Consulta QUI l’elenco

Anno 2020, primo elenco dei dei pagamenti effettuati per beneficiari con contributo inferiore a 500mila euro

Anno 2020, primo elenco dei dei pagamenti effettuati per beneficiari con contributo inferiore a 500mila euro

Per il primo elenco dei beneficiari 5 per mille 2020, con contributo inferiore a 500mila euro, è stato effettuato il pagamento  e  pubblicato, sul sito del Ministero de Lavoro e delle Politiche sociali, il relativo elenco. Il percorso: l’elenco rappresenta i beneficiari per i quali l’Agenzia delle Entrate ha nella […]

Leggi di più
Rendicontazione dettagliata del contributo

Rendicontazione dettagliata del contributo

Pubblicate le nuove linee guida del Ministero del Lavoro in materia di rendicontazione del 5 per mille. Si tratta di regole che troveranno la loro applicazione già con riferimento al contributo relativo all’ anno finanziario 2020 e a cui, in attesa dell’operatività del Registro unico (Runts), saranno obbligate le sole […]

Leggi di più
Entro il 30 settembre 2021 regolarizzazione delle domande

Entro il 30 settembre 2021 regolarizzazione delle domande

Anche per quest’anno i contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef a finalità di interesse sociale. Gli enti del volontariato trasmettono la domanda d’iscrizione all’Agenzia delle Entrate, entro il 12 aprile 2021, utilizzando modello – pdf e software specifici. Qualora un ente non abbia effettuato l’iscrizione […]

Leggi di più
Tutte le scadenze sulla rendicontazione del 5 per mille

Tutte le scadenze sulla rendicontazione del 5 per mille

I termini riguardano le annualità 2018 e 2019, erogate entrambe nel 2020 per sostenere gli enti non profit in questa fase di crisi pandemica, per le quali non sarà possibile redigere un unico rendiconto. Ecco tutte le date Si avvicinano le prime scadenze relative alla rendicontazione del 5 per mille. […]

Leggi di più
Contributi pubblici al non profit, il 5 per mille è escluso

Contributi pubblici al non profit, il 5 per mille è escluso

Dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali arriva un chiarimento sull’obbligo previsto per gli enti che hanno superato il plafond dei 10.000 euro. Rimangono invece dei dubbi in relazione ai contributi a fondo perduto per emergenza Covid 19 Con la circolare n. 6 del 25 giugno 2021 il Ministero del Lavoro e delle […]

Leggi di più
Primo Report beneficiari della Provincia di Messina – annualità finanziaria 2020

Primo Report beneficiari della Provincia di Messina – annualità finanziaria 2020

Sono 454 i beneficiari, della provincia di Messina, iscritti in elenco permanente dell’Agenzia delle Entrate, datato l’8 giugno 2021 . L’elenco comprende tutti gli enti destinatari del contributo ammessi in una o più categorie di beneficiari per l’anno finanziario 2020: Onlus e volontariato Ricerca scientifica Ricerca sanitaria Attività svolte dai Comuni Associazioni sportive dilettantistiche […]

Leggi di più

Il 5x1000

Il 5 per mille è un meccanismo che permette ai contribuenti (persone fisiche) di destinare, a favore di determinati soggetti giuridici (beneficiari), una parte delle imposte comunque dovute sui redditi nell'anno precedente.

Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 luglio 2020 , pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 231 del 17 settembre 2020, ha modificato i termini e le modalità di accreditamento al riparto del contributo del 5 per mille nonché i termini e le competenze in materia di pubblicazione degli elenchi degli enti iscritti e di quelli ammessi ed esclusi dal contributo.

Fanno parte della categoria degli enti del “volontariato”:

  • le Onlus di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460;
  • le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381 e i consorzi di cooperative sociali di cui all’articolo 8
  • della stessa legge n. 381 con base sociale formata per il cento per cento da cooperative sociali;
  • le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui all’articolo 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266;
  • le organizzazioni non governative già riconosciute idonee, ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49, alla data del 29 agosto 2014 e iscritte all’Anagrafe unica delle ONLUS su istanza delle stesse (art. 32, comma 7, della legge 11 agosto 2014, n. 125);
  • gli enti ecclesiastici delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti accordi e intese, considerati Onlus parziali ai sensi del comma 9 dell’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460;
  • le associazioni di promozione sociale le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal Ministero dell’Interno, considerate Onlus parziali ai sensi del comma 9 dell’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460;
  • le associazioni di promozione sociale, iscritte nei registri di cui all’articolo 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383;
  • le associazioni e le fondazioni di diritto privato riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460.

 

 

Enti del volontariato non accreditati

Modalità e termini di accreditamento

    • il termine per la presentazione dell’istanza di accreditamento ai fini del riparto del contributo del 5 per mille è stato fissato al 10 aprile per tutte le tipologie di beneficiari, ma se tale termine scade di sabato o in un giorno festivo, lo stesso è prorogato al primo giorno lavorativo successivo: per l’anno 2021 il termine di scadenza è il 12 aprile 2021 in quanto il 10 aprile cade di sabato.
    • è stato eliminato il doppio adempimento, domanda di iscrizione e successiva dichiarazione sostitutiva, prevedendo un’autocertificazione del possesso dei requisiti contestuale all’istanza di accreditamento.

Ai fini dell’accreditamento degli enti del volontariato resta ferma la competenza dell’Agenzia delle entrate, fino all’operatività del Registro Unico Nazionale del Terzo Settore. Pertanto, gli enti del volontariato presentano l’istanza di accreditamento per l’anno 2021 all’Agenzia delle entrate .

Gli enti del volontariato trasmettono la domanda d’iscrizione all’Agenzia delle entrate, a partire dal giorno 8 marzo 2021, utilizzando modello – pdf e software specifici.

L’istanza va trasmessa in via telematica, utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate. Per 2021 l’iscrizione deve essere trasmessa entro il 12 aprile  (in quanto il 10 aprile cade di sabato).

Possono partecipare al riparto delle quote del 5 per mille anche gli enti che non hanno effettuato tempestivamente l’iscrizione al contributo entro il termine ordinario (12 aprile 2021), purché presentino l’istanza di accreditamento al 5 per mille entro il 30 settembre dello stesso anno, versando un importo pari a 250 euro, tramite modello F24 ELIDE - codice tributo 8115 (Risoluzione 42/E del 1° giugno 2018 - pdf).

N.B.: I requisiti sostanziali richiesti per l’accesso al beneficio devono essere comunque posseduti alla data di scadenza originaria della presentazione dell’istanza di accreditamento (12 aprile 2021)

Elenco permanente degli enti del volontariato accreditati 2021

L’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati 2021 aggiorna e integra quello pubblicato nel 2020. In particolare, sono stati inseriti gli enti regolarmente iscritti nell’anno 2020 in presenza dei requisiti previsti dalla norma e sono state apportate le modifiche conseguenti alle revoche dell’iscrizione trasmesse dagli enti e alle verifiche effettuate.

Gli enti che sono presenti nell’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati 2021 non sono tenuti a ripetere la procedura di iscrizione al 5 per mille. 

Il rappresentante legale dell’ente presente nell’elenco permanente comunica alla Direzione regionale competente le variazioni dei requisiti per l’accesso al beneficio, nei successivi trenta giorni, mediante dichiarazione resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. In caso di sopravvenuta perdita dei requisiti da parte dell’ente, il rappresentante legale, entro i successivi trenta giorni, sottoscrive e trasmette la richiesta di cancellazione dall’elenco permanente. Qualora il contributo sia stato indebitamente percepito dall’ente in carenza dei requisiti, si applicano le disposizioni dell’articolo 17 del DPCM 23 luglio 2020 - pdf.

Elenco permanente 5 per mille 2021 - Volontariato

Scadenze del 5 per mille 2021 per gli enti del volontariato

Descrizione Scadenze
Inizio presentazione domanda d’iscrizione 8 marzo 2021
Termine presentazione domanda d’iscrizione 12 aprile 2021
Pubblicazione elenco iscritti provvisorio entro il 20 aprile 2021(sito Agenzia entrate)
Richiesta correzione domande entro il 30 aprile 2021
Pubblicazione elenco iscritti definitivo entro il 10 maggio 2021 (sito Agenzia entrate)
Termine regolarizzazione domanda iscrizione per gli enti che non hanno presentato la domanda entro il 12 aprile 30 settembre 2021

Consulta il Vademecum 5 per mille elaborato dagli esperti di Cantiere Terzo Settore

La rendicontazione

Tutti gli enti che hanno ricevuto somme relative al 5 per mille sono obbligati a rendicontarne l’utilizzo.

L'obbligo di redigere un rendiconto - unitamente ad una relazione illustrativa - è stato introdotto per la prima volta dall'art. 3, comma 6, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (finanziaria per il 2008) e successivamente confermato dall'art. 11 e seguenti del d.p.c.m. 3 aprile 2009 per l'anno finanziario 2009 e ribadito per l'anno finanziario 2010 dall'art. 12 del d.p.c.m. del 23 aprile 2010. Per gli anni successivi sono state prorogate le disposizioni contenute nel richiamato d.p.c.m. del 23 aprile 2010.

L'art 16 del DPCM 23 luglio 2020 ribadisce l'obbligo della redazione del rendiconto e della relazione illustrativa  è obbligatoria per  i soggetti beneficiari del 5 per mille indipendentemente dall'ammontare del contributo percepito. La relazione descrittiva dovrà esporre in maniera chiara l'utilizzo delle somme, gli interventi/progetti realizzati e il dettaglio dei costi inseriti nel rendiconto.

Sono tenuti alla trasmissione del rendiconto, della relazione illustrativa, degli allegati - nei casi previsti - indicati nelle Linee guida per la rendicontazione, nonché copia del documento d'identità del Legale rappresentante, i soggetti che a decorrere dall'anno finanziario 2009 - somme pari o superiori a 20mila euro. La trasmissione deve avvenire entro 30 giorni dallo scadere del termine di redazione del rendiconto.

A partire dalla emanazione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 luglio 2020 , pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 231 del 17 settembre 2020, è previsto, altresì, l'obbligo, da parte dei beneficiari del quote 5 per mille, di pubblicazione sul proprio sito web, entro trenta giorni dalla scadenza del termine di rendicontazione degli importi percepiti ed il rendiconto , dandone comunicazione all'amministrazione erogatrice entro i successivi sette giorni.
Nel caso di violazione degli obblighi di pubblicazione, l'amministrazione erogatrice diffida il beneficiario ad effettuare la citata pubblicazione assegnando un termine di trenta giorni e in caso di inerzia provvede all'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria pari al venticinque per cento del contributo percepito, secondo la disciplina recata dalla legge 24 novembre 1981, n. 689, in quanto compatibile.

Linee guida per la rendicontazione

Modello di rendiconto

Modello di rendiconto per accantonamento

N.B: per la rendicontazione del contributo a partire dall’anno finanziario 2020, si utilizzanno nuovi modelli resi pubblici dal Ministero del Lavoro, accompagnati dalle relative linee guida:

Modello di rendiconto (Mod.A)
Modello di rendiconto dell’accantonamento (Mod.B)
Linee guida per la rendicontazione

 

Revoca iscrizione da elenco permanente iscritti

In caso di sopravvenuta perdita dei requisiti, il rappresentante legale dell’ente è tenuto a sottoscrivere e trasmettere all’amministrazione competente, con le medesime modalità della dichiarazione sostitutiva, la revoca dell’iscrizione.
Gli enti del volontariato trasmettono la revoca dell’iscrizione alla Direzione Regionale competente tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite la casella PEC del rappresentante legale.

I servizi del CESV Messina

Il CESV Messina accompagna le organizzazioni negli adempimenti per l’iscrizione e il mantenimento delle liste. Allo scopo di garantire una efficace verifica della documentazione ed un tempestivo invio telematico, gli uffici del CESV Messina acquisiranno la documentazione necessaria, che deve pervenire in formato cartaceo presso la sede di Messina o per posta elettronica, entro l' 7 aprile ore 13:00; quest’ultima rappresenta solo ed esclusivamente una data di scadenza relativa alla erogazione del servizio di invio telematico da parte del CESV Messina.
Per l'invio della documentazione tramite il CESV occorre produrre la seguente documentazione debitamente compilata:
1. Fac-simile richiesta invio telematico da parte del CESV e modulo relativo all'informativa privacy;
2. Copia del documento di riconoscimento del legale rappresentante in corso di validità;
3. Copia del codice fiscale del legale rappresentante;
4. Certificato di attribuzione del codice fiscale/P.I. dell’associazione rilasciato dall'agenzia delle entrate;
5. Copia del Decreto di iscrizione al registro regionale del volontariato o  Copia della comunicazione di avvenuta iscrizione all'anagrafe delle ONLUS;
6. comunicazione dei dati necessari per la compilazione della domanda di ammissione al beneficio;
7. modello da utilizzare per l’iscrizione al 5 per mille 2021;
8. Informativa ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali (General Data Protection Regulation, “GDPR”), predisposta dal consulente abilitato all'inoltro.

La modulistica potrà essere invita per email a: consulenza@cesvmessina.org oppure all'indirizzo pec cesvmessina@ergopec.it.
Per  richiedere ulteriori informazioni si consiglia di consultare il Vademecum 5 per mille realizzato da Cantiere Terzo Settore e per ulteriori informazioni compilare il form di contatto

Contatta il nostro servizio di consulenza





Promuovi il tuo 5x1000

La fiducia è difficile da guadagnare: inizia a promuovere il 5x100 da chi in passato ha già dimostrato di fidarsi di te, ha già sostenuto le tue attività. Inizia dai “Family&Friends” Un modo rapido per contattare soci, amici e parenti? Con una newsletter riesci a coinvolgere un grande numero di persone con un solo invio email…e in più con Mailchimp l’invio è gratuito!
Non chiedere solamente, racconta la storia della tua associazione, dei tuoi volontari, delle persone che incontrate nel servizio. Racconta come la tua associazione può migliorare il mondo e come, solo con una firma, chiunque può fare la sua parte. Quando racconti una storia le parole sono importanti, ma le immagini sono fondamentali per catturare l’attenzione dei tuoi potenziali donatori. Se cerchi immagini in rete attento al copyright. In alternativa puoi trovare moltissime gratuite (e di libero utilizzo).
Pianificare è vitale per le tue campagne di comunicazione e il 5x100 non fa certo eccezione. Non è possibile “improvvisare con successo” eventi informativi, post social, pagine web, comunicati stampa, etc. Se pensi che postare ogni giorno contenuti sui Social Network, puoi utilizzare uno strumento come Socialpilot che ti permette di pianificare i tuoi post contemporaneamente su tutte le tue pagine social (Facebook, Twitter, etc.)