Menu
Increase size
Reset to Default
Decrease size

RSS Twitter Google Facebook

A+ A A-

Giustizia minorile, avviso pubblico accreditamento Enti Terzo settore. Scadenza 15 gennaio 2018

  • Pubblicato in Istituzionali
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Letto: 311 volte
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
Il Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunita’, Centro per la Giustizia minorile per la Sicilia, ha emanato un  Avviso Pubblico per manifestazione di interesse per l'aggiornamento dell'elenco di enti del terzo settore per la realizzazione di attivita’ progettuali destinate ai minori/giovani adulti dell’area penale esterna e/o interna presi in carico dai servizi del centro per la giustizia minorile per la Sicilia.
Leggi tutto...

Avviso pubblico per il finanziamento di progetti afferenti le politiche per la famiglia. Scadenza: 28.02.2018

  • Pubblicato in Bandi Nazionali
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Letto: 978 volte
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
E’ stato pubblicato, lo scorso 29 dicembre, sul sito del Dipartimento per le politiche della famiglia un Avviso pubblico per il finanziamento dei progetti afferenti le politiche per la famiglia. L’Avviso, allo scopo di potenziare le capacità d’intervento degli attori pubblici e del privato sociale nel far fronte a situazioni di fragilità e alla complessità delle famiglie, prevede uno stanziamento complessivo pari a 8 milioni di euro.L' Avviso è finalizzato al finanziamento di progetti, anche di carattere innovativo, nelle seguenti linee di intervento:A. “Conciliazione dei tempi di vita tra famiglia e lavoro”;B. “Invecchiamento attivo e solidarietà fra le generazioni – Intergenerazionalità”;C. “Sostegno alle famiglie in condizioni di fragilità”;D. “Promozione di contesti sociali ed economici family friendly”;E. “Inclusione sociale dei minori e dei giovani";F. “Sostegno ai minori vittime di violenza assistita, agli orfani di crimini domestici e alle loro famiglie affidatarie”.Una particolare e specifica attenzione è rivolta inoltre alle vittime di violenza assistita, agli orfani di crimini domestici e alle loro famiglie affidatarie.Potranno partecipare al presente avviso:a) enti locali, in forma singola o associata (a norma del D.lgs n.267/2000 aggiornato con le modifiche apportate dal D.lgs. n. 175/2016, dalla L. n. 232/2016 e dal D.L. 244/2016);b) enti pubblici territoriali e non territoriali;c) gli enti che abbiano una delle forme giuridiche di cui all’art. 4, comma 1, del decreto legislativo 3 luglio n. 2017, n. 117, operanti nei settori d’interesse delle linee d’intervento del presente Avviso;d) soggetti di cui alle lettere a), b) e c) di concerto, d’intesa o in forma consorziata.Per la sola linea di intervento “conciliazione dei tempi di vita tra famiglia e lavoro” è ammessa la partecipazione, non in qualità di proponenti ma come componenti dell’ATS, di operatori economici, quali aziende e imprese, nelle varie forme giuridiche previste dalla legislazione di riferimento.Le proposte progettuali, per ciascuna delle linee d’intervento di cui all’art. 2, dovranno riferirsi alle indicazioni contenutistiche riportate nell’allegato 1, parte integrante dell'Avviso. I soggetti ammessi a partecipare possono presentare proposte progettuali, sia in qualità di proponente singolo, sia in ATS (Associazione Temporanea di Scopo) su più linee d’intervento indicate. È esclusa la presentazione da parte di un soggetto proponente, sia in forma singola, sia in ATS, di più proposte progettuali nell’ambito di una stessa linea d’intervento.E’ esclusa la possibilità di presentare la medesima proposta progettuale su più linee di intervento.Sono escluse dal finanziamento le proposte progettuali che prevedono esclusivamente attività di ricerca o organizzazione di convegnistica.Le proposte progettuali dovranno pervenire, a pena di irricevibilità, entro il 28 febbraio 2018 in busta chiusa e sigillata, con la dicitura sul fronte della busta “Avviso Dipartimento per le politiche della famiglia” e della linea d’intervento prescelta, indicate ambedue in maiuscolo sul fronte della busta, al seguente indirizzo: Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia, Servizio conservazione, informatizzazione e ricerca della documentazione – Via dell’Impresa 90 – c.a.p. 00187 Roma.   Fonte: http://www.politichefamiglia.it/it/notizie/avvisi-e-bandi/avviso-pubblico-per-il-finanziamento-di-progetti-afferenti-le-politiche-per-la-famiglia/   Clicca per ascoltare il testo! Il Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunita’, Centro per la Giustizia minorile per la Sicilia, ha emanato un  Avviso Pubblico per manifestazione di interesse per laggiornamento dellelenco di enti del terzo settore per la realizzazione di attivita’ progettuali destinate ai minori/giovani adulti dell’area penale esterna e/o interna presi in carico dai servizi del centro per la giustizia minorile per la Sicilia. Leggi tutto... Riforma del Terzo Settore: le erogazioni liberali e il “Social bonus” . Osservazioni della Fondazione Nazionale Commercialisti 08 Gennaio, 2018 Pubblicato in Legislazione Sociale Vota questo articolo 1 2 3 4 5 (0 Voti) Letto: 118 volte (Tempo di lettura: 1 - 2 minuti) Sul sito della Fondazione Nazionale dei Commercialisti è stato pubblicato il documento di approfondimento realtivo a Riforma del Terzo settore:le erogazioni liberali e il Social bonus”. Leggi tutto... Avviso pubblico per il finanziamento di progetti afferenti le politiche per la famiglia. Scadenza: 28.02.2018 08 Gennaio, 2018 Pubblicato in Bandi Nazionali Vota questo articolo 1 2 3 4 5 (0 Voti) Letto: 978 volte (Tempo di lettura: 2 - 3 minuti) E’ stato pubblicato, lo scorso 29 dicembre, sul sito del Dipartimento per le politiche della famiglia un Avviso pubblico per il finanziamento dei progetti afferenti le politiche per la famiglia. L’Avviso, allo scopo di potenziare le capacità d’intervento degli attori pubblici e del privato sociale nel far fronte a situazioni di fragilità e alla complessità delle famiglie, prevede uno stanziamento complessivo pari a 8 milioni di euro.L Avviso è finalizzato al finanziamento di progetti, anche di carattere innovativo, nelle seguenti linee di intervento:A. “Conciliazione dei tempi di vita tra famiglia e lavoro”;B. “Invecchiamento attivo e solidarietà fra le generazioni – Intergenerazionalità”;C. “Sostegno alle famiglie in condizioni di fragilità”;D. “Promozione di contesti sociali ed economici family friendly”;E. “Inclusione sociale dei minori e dei giovani;F. “Sostegno ai minori vittime di violenza assistita, agli orfani di crimini domestici e alle loro famiglie affidatarie”.Una particolare e specifica attenzione è rivolta inoltre alle vittime di violenza assistita, agli orfani di crimini domestici e alle loro famiglie affidatarie.Potranno partecipare al presente avviso:a) enti locali, in forma singola o associata (a norma del D.lgs n.267/2000 aggiornato con le modifiche apportate dal D.lgs. n. 175/2016, dalla L. n. 232/2016 e dal D.L. 244/2016);b) enti pubblici territoriali e non territoriali;c) gli enti che abbiano una delle forme giuridiche di cui all’art. 4, comma 1, del decreto legislativo 3 luglio n. 2017, n. 117, operanti nei settori d’interesse delle linee d’intervento del presente Avviso;d) soggetti di cui alle lettere a), b) e c) di concerto, d’intesa o in forma consorziata.Per la sola linea di intervento “conciliazione dei tempi di vita tra famiglia e lavoro” è ammessa la partecipazione, non in qualità di proponenti ma come componenti dell’ATS, di operatori economici, quali aziende e imprese, nelle varie forme giuridiche previste dalla legislazione di riferimento.Le proposte progettuali, per ciascuna delle linee d’intervento di cui all’art. 2, dovranno riferirsi alle indicazioni contenutistiche riportate nell’allegato 1, parte integrante dellAvviso. I soggetti ammessi a partecipare possono presentare proposte progettuali, sia in qualità di proponente singolo, sia in ATS (Associazione Temporanea di Scopo) su più linee d’intervento indicate. È esclusa la presentazione da parte di un soggetto proponente, sia in forma singola, sia in ATS, di più proposte progettuali nell’ambito di una stessa linea d’intervento.E’ esclusa la possibilità di presentare la medesima proposta progettuale su più linee di intervento.Sono escluse dal finanziamento le proposte progettuali che prevedono esclusivamente attività di ricerca o organizzazione di convegnistica.Le proposte progettuali dovranno pervenire, a pena di irricevibilità, entro il 28 febbraio 2018 in busta chiusa e sigillata, con la dicitura sul fronte della busta “Avviso Dipartimento per le politiche della famiglia” e della linea d’intervento prescelta, indicate ambedue in maiuscolo sul fronte della busta, al seguente indirizzo: Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia, Servizio conservazione, informatizzazione e ricerca della documentazione – Via dell’Impresa 90 – c.a.p. 00187 Roma.   Fonte: http://www.politichefamiglia.it/it/notizie/avvisi-e-bandi/avviso-pubblico-per-il-finanziamento-di-progetti-afferenti-le-politiche-per-la-famiglia/
  • Scadenza Mercoledì, 14 Novembre 2018
Leggi tutto...

Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Attuazione Codice del Terzo settore: prime indicazioni sulle questioni di diritto transitorio

(Tempo di lettura: 1 minuto)
Nella lettera direttoriale "Codice del Terzo settore. Questioni di diritto transitorio. Prime indicazioni", del 29 dicembre 2017, la Direzione Generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese fornisce prime indicazioni riguardanti la definizione di Ente del Terzo settore, le norme organizzative degli Enti medesimi, la disciplina del volontariato, il regime fiscale, il sistema del registro unico nazionale del Terzo settore, il nuovo sistema di governance dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSV).
Leggi tutto...

Fondazione CON IL SUD . Bando Storico-Artistico e Culturale 2017. Le candidature dei beni entro il 30 marzo 2018

  • Pubblicato in Bandi Nazionali
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Letto: 242 volte
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
La Fondazione CON IL SUD promuove la quarta edizione del Bando Storico – Artistico e Culturale, riproponendo la formula sperimentata nella precedente edizione: ovvero chiedendo ai proprietari di immobili inutilizzati di metterli gratuitamente a disposizione della comunità locale per almeno 10 anni e, successivamente, rivolgendosi alle non profit per proposte di valorizzazione dei beni in chiave comunitaria. L’iniziativa, che mette a disposizione 4 milioni di euro, prevede due fasi e interessa i beni immobili di pregio storico, artistico e culturale presenti in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.
  • Scadenza Mercoledì, 14 Novembre 2018
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

strumenti

pulsante5x1000

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Se vuoi ricevere tutte le news dal CESV Messina, iscriviti alla nostra newsletter.


Ricevi HTML?

Accedi o Registrati

Clicca per ascoltare il testo!